Hai finalmente comprato la tua nuova casa e nello spazio disponibile in giardino stai pensando di installare una minipiscina? Oppure hai intenzione di costruire una minipiscina ma non sai proprio da dove iniziare? Non preoccuparti! Attraverso questo articolo ti daremo semplici consigli e soprattutto ti faremo una lista di “cose da sapere” prima di costruire la piscina dei tuoi sogni!

Innanzitutto teniamo a precisare che la piscina è bellissima ma… costruirla richiede tutta una serie di autorizzazioni e permessi non indifferenti; inoltre la costruzione e la manutenzione periodica risultano essere due pratiche estremamente costose.

Bisogna prendere in considerazione diversi aspetti, primo fra tutti è necessario che tu risponda alla fatidica domanda: “interrata o fuoriterra?” questo risulta essere un aspetto da prendere in considerazione soprattutto per una questione di stile; ovviamente, una minipiscina interrata si sposerà alla perfezione con il tuo giardino, viceversa, una piscina fuoriterra risulterà essere un intervento sicuramente più vantaggioso in termini di edilizia ma, non creerà sicuramente un aspetto bello e piacevole come invece la piscina interrata conferisce al tuo giardino.

In termini burocratici, prima della costruzione di una minipiscina è fondamentale essere in possesso di tutti i permessi necessari alla sua costruzione e soprattutto la zona in cui dovrebbe avvenire la costruzione deve risultare assolutamente priva di vincoli idreogeologici.

Ovviamente, ancor prima di andare a scegliere la forma è necessario assicurarsi che il proprio comune di residenza sia propenso a cedere l’autorizzazione la quale, ripetiamolo, potrà essere concessa solo se l’area in questione risulta essere priva di vincoli paesaggistici e idrogeologici. Fondamentalmente, i permessi necessari sono due e sono: la segnalazione di inizio attività e il permesso per poter effettuare la costruzione.

Una volta ottenuto il permesso è necessario scrivere alcune righe a riguardo dei materiali utilizzati: nel caso di una piscina interrata è necessario prevedere la gestione delle terre di scavo, le quali risulteranno dalla preparazione del terreno prescelto per andare ad ospitare la piscina. Questo materiale viene considerato come materiale di rifiuto e pertanto è necessario effettuare lo smaltimento in discariche autorizzate (ricordiamo che il materiale verrà poi utilizzato per altri scopi). Questo risulta essere un passaggio fondamentale poiché il non rispetto di queste norme causa l’addebito di sanzioni non indifferenti.

Infine, per quel che riguarda i costi di manutenzione e i tempi di consegna teniamo a precisare che sono estremamente variabili: in particolare, il tempo di costruzione tende a variare in base alla tipologia di tecnologia costruttiva utilizzata; nel caso di piscine create attraverso l’utilizzo di pannelli prefabbricati è necessario un arco di tempo che generalmente si aggira attorno alle tre settimane. In generale però, è bene ricordare che il tempo necessario alla costruzione di una minipiscina non è mai inferiore ai quindici giorni. Per quanto riguarda i costi, anche questi sono estremamente variabili: bisogna infatti considerare anche il costo richiesto per la manodopera e per il materiale necessario.

Dopo aver letto questi articoli siamo sicuri che costruirai la tua piscina in totale serenità e potrai così vivere spensierate giornate in compagnia della tua famiglia!

Condividi sui social